lingua

San Cataldo

San Cataldo
Print Friendly

L'odierno centro ha origini relativamente recenti, anche se il limitrofo sito di Vassallaggi riporta ad origini preistoriche dell'uso del territorio. Prima baronia, poi comune, deve la fondazione al principe Nicolò Galletti nel 1607, che ne richiese la licenza dal Re di Sicilia Filippo III (licenza vox populandi). Gli fu quindi consentito di edificare e popolare l'antico casale Calironi. Il principe fu spinto da motivi politici, perché la fondazione consentiva l'acquisizione di titoli e privilegi nonché la presenza nell'ala militare del Parlamento siciliano. Arrivati dai paesi vicini, come Sutera, Mussomeli, Petralia, e anche da quelli più distanti, come Gangi, Castrogiovanni e Caltanissetta, i nuovi coloni popolarono il paese. Il borgo fu dedicato a san Cataldo, come nella baronia di Gagliano Castelferrato (nell'attuale provincia di Enna), della famiglia Galletti. Più volte rimaneggiato urbanisticamente, oggi appare come una città contemporanea, ad esclusione di pochi edifici religiosi e civili che ne raccontano la storia più antica.

 

condividi su: Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone

© 2015 - Distretto Turistico delle Miniere
CCIAA Caltanissetta Via Vittorio Emanuele, 38

Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea
Programma Operativo FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Sicilia 2007/2013 Asse 3
Obiettivo Operativo 3.3.3 – Linea di Intervento 3.3.3 A, Attività C
“Investiamo nel vostro futuro”

Menu
Caricando...