lingua

Monte Saraceno

Ravanusa
Print Friendly, PDF & Email

Monte Saraceno- Elena La Spina-2

Simbolo della città di Ravanusa, tanto da diventare un vero e proprio slogan (“Ravanusa città del Monte Saraceno”) questa collina, che sorge nelle immediate vicinanze del paese, è un luogo carico di storia, in cui natura e archeologia si confondo in un percorso ricco di fascino. L’appellativo “Saraceno” in realtà rappresenta un errore di attribuzione di alcuni autori del Settecento, tratti in inganno dai ruderi di una città distrutta che sorgeva sull'altura.  In realtà, dagli ultimi studi è stato appurato che questi luoghi furono abitati dai Sicani tra l'VIII e il VI secolo a.C. e successivamente dai Greci che vi rimasero fino ai primi decenni del III secolo a.C. Con quest’ultimi la parte alta della collina divenne l'acropoli in cui i nuovi abitanti si recavano per pregare e adorare le divinità, mentre la città si estese fino al terrazzo inferiore e si munì di mura. La necropoli sorge in ampie aree ai piedi della collina verso il fiume. Alla metà del IV secolo un evento traumatico porta ad un abbandono dell'abitato del terrazzo superiore e le costruzioni sul piano sommitale sopravvivono solo fino ai primi decenni del III secolo a.C.

 

Località Monte Saraceno, Ravanusa (AG)
aperta al pubblico, si può visitare dal Lunedì al Sabato dalle ore 8.00  alle 19.30- INGRESSO GRATUITO
Tel: 922880933, 92029

 

 

© 2015 - Distretto Turistico delle Miniere
CCIAA Caltanissetta Via Vittorio Emanuele, 38

Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea
Programma Operativo FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Sicilia 2007/2013 Asse 3
Obiettivo Operativo 3.3.3 – Linea di Intervento 3.3.3 A, Attività C
“Investiamo nel vostro futuro”

Caricando...