lingua

Acquaviva Platani

Acquaviva Platani
Print Friendly

Il territorio di Acquaviva Platani, immerso nelle bellezze della valle del Platani, è stato abitato fin dal neolitico.
Viene fondata nel 1635 da don Francesco Spadafora, in una località posta più in alto e meno afosa del primitivo casale Michinese fondato dai berberi. Il nome, Aqua Vivam, successivamente unificato in “Acquaviva”, fu dato in relazione all’abbondanza delle sorgenti riscontrate nel suo territorio; nel 1862, per evitare confusioni con comuni omonimi, venne aggiunta la specificazione “Platani”, derivata dal vicino fiume.
Il paese si formò nel corso del XVII secolo, ma problemi economici fecero sì che dopo alcuni anni e molte avversità economiche, nel 1680 il feudo Michinese fu venduto da Caterina Spadafora, discendente di don Francesco, a donna Francesca Abarca, e da lei passò, nel 1867, al nipote Michele Oliveri che ottenne da Carlo II il titolo di duca di Acquaviva, che nessun altro fino ad allora aveva avuto.
Acquaviva Platani diviene comune autonomo dopo l'abolizione della feudalità in Sicilia nel 1812 ed i nuovi ordinamenti amministrativi del 1816-1817.

 

condividi su: Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someone

© 2015 - Distretto Turistico delle Miniere
CCIAA Caltanissetta Via Vittorio Emanuele, 38

Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea
Programma Operativo FESR – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Sicilia 2007/2013 Asse 3
Obiettivo Operativo 3.3.3 – Linea di Intervento 3.3.3 A, Attività C
“Investiamo nel vostro futuro”

Menu
Caricando...